Archivi tag: pseudo biottica

La fotocamera Druopta Rix

378 Foto 1
La Druopta Rix

La Rix è una fotocamera abbastanza particolare, soprattutto perché è rara e quasi completamente sconosciuta. Viene prodotta dall’azienda DRUOPTA PRAHA, che inizia l’attività nel 1950 in quella che all’epoca è la capitale cecoslovacca, e non è altro che una semplice pseudo-biottica realizzata con il caratteristico design tipico degli apparecchi che cercano di imitare la Brillant della Voigtländer & Sohn AG. La produzione delle aziende cecoslovacche del settore ottico è rimasta per lungo tempo abbastanza sconosciuta, soprattutto a causa della “riservatezza” che contraddistingueva i paesi che si trovavano nell’orbita dell’ex Unione Sovietica; a questo fatto va aggiunto che la Druopta non era un’azienda di primissimo piano e che buona parte della sua produzione non usciva dai confini del paese. Sta di fatto che questa fotocamera non è censita nel leggendario catalogo McKeown’s accanto agli altri modelli Druopta e se ne trova invece traccia in una recente pubblicazione, che fa parte di una interessante collana (CZECH CAMERAS) di opere riguardanti la produzione delle aziende cecoslovacche. La Druopta viene trattata dall’ing. Radomir Malý nel fascicolo APARÁTY PRO ZAČÁTEČNÍKY (Fotocamere per principianti), Parte II, edito nel 2008 da Jakoube Publishing House. Secondo tale pubblicazione la Rix è stata prodotta nel 1959. Continua la lettura di La fotocamera Druopta Rix

Montanus Kamerafabrik

Il logo Montanus come appare sulle fotocamere
Il logo Montanus come appare sulle fotocamere

La Montanus viene fondata nel 1920 nella città tedesca di Solingen per produrre resine e plastiche sintetiche e a tale attività si dedica per tutto il periodo precedente la seconda guerra mondiale. Una parziale riconversione dell’azienda avviene nei primi anni Cinquanta del Novecento, quando Herbert Potthoff valuta opportuno applicare le tecniche di produzione utilizzate fino a quel momento per la realizzazione di apparecchi fotografici. Per fare ciò viene attivata un’impresa sussidiaria chiamata Potthoff & Co., denominazione che evolve poi in Montanus Kamerafabrik. In alcuni documenti la ragione sociale appare anche come Montanus-Camerabau oppure come Montanus-Camerabau-Potthoff & Co., ma si tratta comunque della medesima impresa. Il primo modello di fotocamera appare nel 1952 con il nome di Plascaflex: si tratta di una biottica costruita in bakelite (uno dei prodotti già in precedenza lavorati dalla Montanus) che monta obiettivi forniti dalla Staeble o dalla Enna ed otturatori della Alfred Gauthier; dopo pochi mesi questo apparecchio è seguito da altri due che ne rappresentano l’evoluzione, la Plascaflex PS 35 e la Plascaflex V 45. Continua la lettura di Montanus Kamerafabrik

La fotocamera Coronet Twelve-20 (colour filter model)

La Coronet Twelve-20
La Coronet Twelve-20

Si tratta di un apparecchio molto economico, di estrema semplicità costruttiva e caratterizzato da regolazioni minime e del tutto elementari. Si inserisce appieno nella strategia commerciale della Coronet, tesa a produrre soprattutto attrezzature dedicate ad operatori non esperti. Rispetto al sistema di inquadratura è una fotocamera box pseudo-biottica, in quanto l’obiettivo superiore è del tutto indipendente da quello sottostante e l’inquadratura non risente quindi in alcun modo delle regolazioni (per quanto minime) operate sull’obiettivo da ripresa. E’ abbastanza strano che un apparecchio di tale semplicità sia stato dotato di un filtro verde incorporato, filtro che può essere inserito tirando verso l’esterno la levetta FILTER posta sul fianco destro: lo scopo di tale dotazione è spiegato in una targhetta posta sulla parte superiore, dove si consiglia di usarlo … for cloud pictures, landscapes, etc… cioè per far risaltare le nuvole o esaltare i contrasti nelle foto di paesaggio, naturalmente utilizzando pellicola in bianco e nero.
L’esemplare fotografato è databile al 1952 circa. Continua la lettura di La fotocamera Coronet Twelve-20 (colour filter model)

La fotocamera Voigtländer Brillant

La Voigtländer Brillant prima serie
La Voigtländer Brillant prima serie

La Brillant (Brilliant sul mercato anglosassone) è una delle fotocamere prodotte sull’onda dell’enorme successo commerciale incontrato dalla capostipite delle biottiche, la Rolleiflex della Franke & Heidecke. In realtà la prima versione della Brillant è soltanto una pseudo-biottica, in quanto l’obiettivo utilizzato per l’inquadratura è del tutto indipendente da quello dedicato alla ripresa e non può quindi controllare la messa a fuoco.

Viene costruita in diverse versioni a partire dal 1932 e soltanto nel 1938 appare anche il modello “focussing”, dotato della possibilità di controllare la messa a fuoco su una piccola porzione di vetro smerigliato posta all’interno del mirino; si tratta quindi di un tipo di focheggiatura che costituisce una specie di “terza via”, più evoluta rispetto alla versione precedente, ma che ancora non ha tutte le caratteristiche di quella delle fotocamere TLR. La costruzione del modello iniziale continuerà comunque anche dopo l’introduzione di questa versione.

L’esemplare fotografato, databile al 1932 circa ed appartenente quindi alla prima serie, è costruito in lamiera, in parte rivestita di vulcanite e in parte verniciata; dal 1937 il corpo macchina è realizzato in bakelite.
Sul lato destro dell’apparecchio si trova la finestrella rossa per il controllo dell’avanzamento del numero di fotogramma. Continua la lettura di La fotocamera Voigtländer Brillant