Archivi tag: 1954

La fotocamera Filmor

La Filmor

Questa fotocamera box è abbastanza rara e fa parte di un gruppo di apparecchi costruiti nel corso degli anni Cinquanta del Novecento dall’azienda torinese Fototecnica. È uno strumento semplicissimo, nel quale sono assenti regolazioni di ripresa di qualsiasi tipo, il classico apparecchio adatto per fotografare, in un giorno di sole, soggetti fermi che si trovano a una distanza medio lunga. È realizzata in lamiera metallica verniciata in colore nero ad effetto satinato e presenta il frontale abbellito con una lastrina di alluminio cromato e decorato a righe verticali; il nome dell’apparecchio ed il logo dell’azienda sono invece in colore rosso. Ne esiste un’altra versione dotata di mirino a specchio, nella quale il frontale è completamente rivestito con una lastrina cromata sulla quale il nome dell’apparecchio appare in colore nero. L’esemplare fotografato è databile al 1954 circa. Continua la lettura di La fotocamera Filmor

La fotocamera Selfix 16-20 (mod. IV)

La Selfix 16-20
La Selfix 16-20

Il marchio Selfix è uno di quelli più largamente utilizzato durante la prima metà del XX secolo e fino alla metà degli anni Cinquanta per contrassegnare tutta una serie di apparecchi fotografici prodotti dalle aziende inglesi riconducibili alla Houghton-Ensign. Già si è detto dell’intricata e complessa evoluzione organizzativa che ha caratterizzato questa sequenza di costruttori, fatto che inevitabilmente si ripercuote anche sulla catalogazione dei modelli di fotocamere che dagli stessi sono stati prodotti. I numerosi modelli che condividono il nome Selfix sono contraddistinti anche da un numero o da una coppia di numeri, che in genere fanno riferimento alle caratteristiche del supporto sensibile e/o del formato. Nel caso in questione la produzione ha inizio negli anni Trenta come Ensign Selfix 16-20 e prosegue fino al modello IV a cui appartiene l’esemplare fotografato, il cui nome completo è Ross-Ensign Selfix 16-20 essendo stato prodotto dopo che il costruttore aveva assunto la denominazione di Ross-Ensign Ltd. Dal punto di vista ottico-meccanico si tratta di un apparecchio di ottima qualità, che nel suo insieme appare molto “somigliante” alla Nettar 515 prodotta dalla Zeiss Ikon. L’esemplare fotografato è databile al 1954 circa. Continua la lettura di La fotocamera Selfix 16-20 (mod. IV)

La fotocamera Contessa 533/24

La Contessa 533/24
La Contessa 533/24

Questo apparecchio mostra una combinazione di elementi costruttivi veramente molto particolari, dal momento che mantiene alcune delle caratteristiche peculiari delle fotocamere Zeiss Ikon del periodo precedente la seconda guerra mondiale mescolandole però con le soluzioni più innovative degli anni in cui è stata prodotta. Da un lato è a tutti gli effetti una fotocamera folding, dotata non solo di un piccolo soffietto appena visibile quando l’apparecchio è aperto in posizione operativa, ma provvista anche della messa a fuoco a telemetro mediante un sistema che ricorda molto da vicino il design delle Super Ikonta anteguerra; d’altra parte però utilizza pellicola da 35 mm ed è equipaggiata con un esposimetro al selenio. È una fotocamera che mostra regolazioni di precisione cronometrica, un apparecchio dalle prestazioni eccellenti sia dal punto di vista ottico che meccanico, tutti elementi che uniti al particolare design ne fanno uno strumento che personalmente ritengo affascinante, uno di quelli che è un piacere adoperare indipendentemente dalle sue qualità specificamente “fotografiche”. Viene assemblata negli stabilimenti Zeiss Ikon di Stuttgart a partire dal 1950 e la produzione prosegue fino al 1955 in due diverse versioni, che si differenziano sostanzialmente per il tipo di otturatore: il primo tipo (1950-1953 circa) monta un Compur Rapid, mentre la seconda (1953-1955) è dotata di un Synchro Compur. La codifica Zeiss Ikon le identifica entrambe come Contessa 533/24, in alcuni testi vengono definite anche Contessa 35. L’esemplare fotografato appartiene alla seconda serie ed è databile al 1954 circa. Continua la lettura di La fotocamera Contessa 533/24

La fotocamera Zenit (Зенит)

La Zenit
La Zenit

Si tratta del modello iniziale della lunghissima serie di fotocamere il cui nome è probabilmente il più conosciuto nell’ambito dell’intera produzione di apparecchi fotografici nella ex Unione Sovietica. Questo primo tipo è stato infatti seguito da una serie di oltre cinquanta versioni, più le relative varianti, prodotte fino al 2004. Questo appare nel 1952 ad opera della KMZ, Krasnogorskiy Mekhanicheskiy Zavod (Красногорский Механический Завод) e la sua produzione, composta da una dozzina di varianti, continua fino al 1956 anche se già nel 1955 era apparso il secondo modello, la Zenit S. Si tratta della versione reflex della Zorki (a sua volta copia sovietica della Leica II) fotocamera già in produzione da alcuni anni presso la stessa KMZ, prima come sussidio alla FED (FED-Zorki), poi come prodotto proprio. La struttura di base è infatti quella della Zorki, a cui è stato sostituito il gruppo mirino/telemetro con il pentaprisma, nonché ricostruito l’attacco dell’ottica, che non è più in montatura rientrante; lo sbilanciamento in avanti è compensato da un piedino apribile posto sotto l’obiettivo. Continua la lettura di La fotocamera Zenit (Зенит)

Agilux Ltd.

Pubblicità della Agifold
Pubblicità della Agifold

L’azienda britannica Agilux Ltd. viene fondata nel marzo del 1946 nella città di Croydon, nel Surrey, ma le sue origini sono più antiche in quanto nasce come impresa sussidiaria della società AGI (Aeronautical and General Instruments Co.), esistente nella stessa città fin dal 1915. La AGI fabbricava strumentazione aeronautica anche per usi militari e nel periodo immediatamente precedente la Seconda Guerra Mondiale aveva costruito una fotocamera reflex per riprese aeree; si trattava di un apparecchio chiamato Ari, che si basava dal punto di vista progettuale sulla famosa Reflex Korelle prodotta a Dresda dalla Franz Kochmann Fabrik Photographischer Apparate. Ne erano state prodotte due versioni, la Mark I e la Mark II entrambe molto utilizzate durante il conflitto. Al termine delle ostilità le importazioni inglesi di strumenti ottici dalla Germania vengono fortemente limitate e ciò costituisce un’opportunità per la AGI, che attraverso la consociata Agilux Ltd. si inserisce nel mercato delle fotocamere destinate ad usi civili. Continua la lettura di Agilux Ltd.

La fotocamera ANSCO Viking Readyset

Foto 2
La Viking Readyset

La Viking Readyset è un apparecchio fotografico che, se non si può definire raro, è perlomeno poco comune. E’ una delle numerose fotocamere commercializzate nel secondo dopoguerra dall’azienda statunitense Ansco (Binghampton, New York), costruite però in Germania dalla consociata Agfa Camera Werk. Sulla targhetta presente sull’apparecchio si fa riferimento alla ANSCO-GAF e a tale proposto va precisato che l’acronimo GAF è riferito a “General Aniline & Film”, il nome che la Ansco aveva assunto dal 1939 e mantenuto fino al dopoguerra. Si tratta della classica realizzazione destinata ad un uso esclusivamente amatoriale, con le regolazioni ridotte al minimo, ma con un aspetto esteriore molto curato ed accattivante; le caratteristiche sono quelle della tipica folding a soffietto, costruita in metallo rivestito di vulcanite. L’esemplare fotografato è databile al 1954 circa. Continua la lettura di La fotocamera ANSCO Viking Readyset

La fotocamera Kinax Junior

Foto 1
La Kinax Junior

La Junior appartiene alla nutrita serie di apparecchi che portano lo stesso nome della casa produttrice ed è stata costruita dal 1953 al 1957. Utilizzava come materiale sensibile la pellicola in rullo 620, un formato lanciato dalla Kodak nel 1931/32 in sostituzione del 120; si trattava di un rullo identico al 120 per quanto riguarda sia la pellicola che la carta di protezione, la differenza risiedeva nel rocchetto di avvolgimento, che era di sezione più sottile. Attualmente non è più in commercio. Si tratta di una folding di tipo classico, costruita in metallo rivestito di vulcanite. L’esemplare fotografato è databile al 1954 circa. Continua la lettura di La fotocamera Kinax Junior

La fotocamera Bencini Comet III

Si tratta di un modello prodotto a partire dal 1953; è una fotocamera molto

La Comet III
La Comet III

semplice nella quale le regolazioni sono ridotte al minimo, ad eccezione della messa a fuoco su scala metrica.

Il corpo è realizzato in pressofusione di alluminio.

L’esemplare fotografato è databile al 1954 circa.

Caratteristiche  principali

–    Fotocamera compatta a sviluppo verticale

–    Formato del negativo cm 3 x 4 su pellicola in rullo 127

–    Inquadratura con mirino galileiano

– Messa a fuoco su scala metrica mediante rotazione della ghiera dell’obiettivo; questo esemplare è stato prodotto per il mercato anglosassone e la scala di messa a fuoco è espressa in feet, da 3 a ∞.

–    Obiettivo di modello e focale non indicati, costituito da un semplice menisco, dotato comunque di trattamento antiriflessi

–    Diaframma fisso del valore di circa f/11

–    Otturatore a battente che non richiede caricamento ed è sempre in posizione di scatto Continua la lettura di La fotocamera Bencini Comet III