Archivi tag: 1949

La fotocamera Lord Special

La Lord Special
La Lord Special

Continuiamo a parlare di apparecchi fotografici molto particolari prendendo in esame la Lord Special, una fotocamera così poco nota che praticamente non vi sono notizie nemmeno sull’azienda che l’ha prodotta. Fino ad alcuni anni fa il modello era stato censito, ma non erano noti particolari sul suo costruttore, tanto che nella 12° edizione del catalogo McKeown’s (2005-2006) appariva citato assieme alla versione Lord Super sotto la voce LORD (maker unknown). Grazie alla pubblicazione APARÁTY PRO ZAČÁTEČNÍKY della collana CZECH CAMERAS di cui si è detto a proposito della Druopta Rix, apprendiamo che questa fotocamera è stata prodotta verso la fine degli anni Quaranta del Novecento dall’azienda Foxtechna di Bratislava, nel territorio di quella che all’epoca era la Cecoslovacchia. Le notizie al momento sono comunque limitate al nome dell’azienda e a quattro modelli prodotti, tre della serie Lord (Lord, Lord Special, Lord Super) a cui si aggiunge la Monta, peraltro abbastanza simile ai precedenti sia nell’aspetto che nelle caratteristiche tecniche. Va anche specificato che le Lord “cecoslovacche” di cui stiamo parlando non hanno alcuna relazione con le omonime fotocamere giapponesi prodotte nel corso degli anni Cinquanta del Novecento dall’azienda Okaya Kōgaku Kikai K.K. situata a Nagano (Lord 35, Lord 35IVB, Lord SE, ecc …). Continua la lettura di La fotocamera Lord Special

Closter (Costruzioni Fotografiche S.r.L.)

Il primo logo Closter
Il primo logo Closter

La Closter è una delle imprese costruttrici di fotocamere la cui storia è attualmente poco conosciuta, ma negli anni Cinquanta/Sessanta del Novecento ha occupato un posto di un certo rilievo fra i produttori italiani di apparecchi fotografici. Nasce a Roma nel 1949 per iniziativa di un gruppo di ex dipendenti della Rectaflex, l’azienda che l’anno precedente aveva dato avvio alla produzione della fotocamera omonima, uno degli apparecchi più noti e prestigiosi non solo a livello nazionale. L’intento è quello di produrre uno strumento di buona qualità e di metterlo sul mercato con un prezzo di vendita abbastanza abbordabile; nel 1949, quando appare il primo modello, la Closter I, il lancio pubblicitario lo presenta come l’apparecchio di lusso più economico, in vendita al prezzo di 15.000 Lire. Si tratta di una classica fotocamera a mirino galileiano inseribile nel gruppo delle “copie Leica”, con un’ottica fissa in montatura rientrante e un otturatore a lamelle con una gamma limitata di velocità. E’ ben costruita, ma la definizione di apparecchio di lusso mi sembra francamente eccessiva. Continua la lettura di Closter (Costruzioni Fotografiche S.r.L.)