Archivi categoria: W. Watson & Sons Ltd.

W. Watson & Sons Ltd.

Le aziende inglesi del comparto fotografico che portano il nome “Watson” sono almeno quattro, ma questa appare come la più rilevante sia per il volume di attività che ha svolto, sia per il livello dei prodotti che ha realizzato. Viene fondata con il nome di William Watson a Londra, con sede al 313 di High Holborn, nel 1837, due anni prima della scoperta ufficiale della fotografia e si dedica alla produzione di lanterne magiche e di strumentazione ottico scientifica. Nel 1868 assume la denominazione di W. Watson & Son e nel 1883 quella di W. Watson & Sons: nello stesso anno ha inizio la realizzazione delle prime fotocamere, cioè nel momento in cui l’azienda comincia ad essere guidata da Charles Henry Watson, uno dei nipoti del fondatore. Si tratta naturalmente di apparecchi di grande formato, alcuni destinati all’utilizzo in studio, altri più maneggevoli usabili anche a mano libera. Il primo modello noto è appunto del 1883, la Premier Tourist Camera, che tra l’altro continuerà ad essere disponibile fino agli anni Cinquanta del Novecento. Si tratta di una fotocamera da studio prodotta in sette diversi formati per il mercato anglosassone, da a quarter of plate (3¼ x 4¼ inches, cioè cm 8,3 x 10,8), fino a 16 x 18 inches (cm 40 x 45 circa) e in sei formati cosiddetti “continental”, cioè espressi in centimetri, per il mercato europeo. Dal 1888 l’azienda comunica nei suoi cataloghi che inizierà a produrre apparecchi in maniera che oggi definiremmo modulare, cioè con componenti (dorsi, lastre portaobiettivo, ecc …) intercambiabili tra un modello e l’altro, in modo da rendere più facile e razionale anche la gestione di eventuali pezzi di ricambio; gli apparecchi realizzati con questo criterio portano un numero di matricola superiore a 6000. Continua la lettura di W. Watson & Sons Ltd.