Archivi categoria: Murer & Duroni

La fotocamera Murer’s Express Newness

La Newness
La Newness

La Murer’s Express Newness è uno degli innumerevoli apparecchi costruiti dall’azienda milanese Murer & Duroni negli anni a cavallo fra il XIX e il XX secolo; si tratta di un modello prodotto per il mercato anglosassone, nella versione italiana è chiamata “Express Novità”.

L’esemplare fotografato è databile, dal numero di serie, al 1900 circa.

 


Caratteristiche principali

  • Fotocamera di tipo Box costruita interamente in legno e rivestita in pelle di colore nero
  • Formato del negativo cm 6 x 9 su lastra di vetro
  • Inquadratura mediante due mirini a specchio, uno per la ripresa in orizzontale e uno per la verticale
  • Messa a fuoco fissa
  • Obiettivo Anastigmat Murer da 105 mm (circa) con apertura massima al valore 10
  • Diaframma anteposto all’obiettivo con valori (non espressi in f/) 10 – 11 – 20 – 28 – 40, più una posizione F in cui l’obiettivo viene coperto totalmente; dal momento che l’otturatore è sempre in condizione di scattare (non richiede un movimento di carica) ritengo che tale posizione possa servire come “sicura” contro il pericolo di scatti accidentali Continua la lettura di La fotocamera Murer’s Express Newness

Murer & Duroni

MD1Le origini della Murer & Duroni risalgono al 1835-36, tre anni prima della scoperta ufficiale della fotografia, quando Alessandro Duroni (1807-1870) è “commerciante in oggetti d’ottica e chincaglierie” a Milano, al n° 26 della Galleria De Cristoforis.

Nel 1839, l’anno della fotografia, il negozio tratta tubi di vetro per strumenti di meteorologia, fisica e chimica e il titolare è definito “allievo di monsieur Cauche di Parigi, ottico e fisico”; infatti in quell’anno Duroni è  il primo a portare a Milano l’apparecchio fotografico di Daguerre, con cui esegue le più antiche vedute della città.Verso

Nel 1848 l’attività commerciale si è molto ampliata, sia per le tipologie di prodotti sia per la vastità del raggio d’azione; è infatti definito “Ottico con stabilimento di dagherrotipia, con apposito locale per eseguire ritratti, vende macchine ed oggetti relativi (…) Ottico fabbricatore, con deposito d’istrumenti ed apparati d’ottica, fisica, matematica e chimica di Vienna, Monaco, Londra, Parigi …”.

La sede è a Milano, in Galleria De Cristoforis dal 24 al 27, e la descrizione mostra un’azienda che opera nelle maggiori città d’Europa non solo nel campo del commercio, ma anche nella fabbricazione di strumentazione tecnica di ogni tipo.

Nel 1850/51 la sede dell’impresa si trasferisce in Corso Francesco 593, quello che a seguito dell’Unità d’Italia diventerà poi Corso Vittorio Emanuele II e Duroni è definito “fotografo e dagherrotipista”. Continua la lettura di Murer & Duroni