Archivi categoria: Konica

La Konica nel secondo dopoguerra

La Konica Auto-Reflex (da www.thecamerasite.net)
La Konica Auto-Reflex (da www.thecamerasite.net)

Al termine della Seconda Guerra Mondiale, nonostante le evidenti difficoltà legate alle sorti del Giappone e alle distruzioni belliche subite, la Konishiroku Shashin Kōgyō K.K. riprende celermente la produzione e nel 1947 presenta la sua prima 35 mm a telemetro.

Si tratta del vecchio progetto Rubikon ripreso nella sua forma originaria con la sola eccezione del nome, che era riferito chiaramente al fiume romagnolo attraversato da Giulio Cesare nel 49 a.C. in aperta ribellione contro il Senato di Roma: visto il disastro dal quale l’umanita sta cercando di uscire, si ritiene inopportuno battezzare un apparecchio fotografico con un termine così esplicitamente legato all’inizio di una guerra civile.

La fotocamera viene quindi chiamata Konica, cioè Konishiroku Camera, nome che nel tempo finirà per identificare la stessa azienda produttrice, così come era successo in altri casi (Leica, Rolleiflex, Exakta).

Nonostante lo stato di difficoltà che interessa l’economia giapponese nel 1948-50, per la Konishiroku inizia un periodo di sviluppo e di crescita, tanto che nel 1956 può aprire una filiale negli Stati Uniti, a Filadelfia, con il nome di Koniphoto Corporation. Continua la lettura di La Konica nel secondo dopoguerra

Konishi Honten: alle origini della Konica

La fotocamera Cherry
La fotocamera Cherry

Le origini dell’azienda giapponese comunemente conosciuta come Konica risalgono al 1873, anno in cui Sugiura Rokusaburō, figlio di Sugiura Rokuemon V, subentra al padre nella conduzione di una farmacia situata a Kojimaki, vicino a Tokio.

Egli infatti espande l’attività iniziando ad importare dall’Europa sia fotocamere che attrezzature legate alla fotografia assumendo dopo alcuni anni, in segno di continuità nei confronti del genitore, il nome di Sugiura Rokuemon VI.

Trasferisce l’azienda a Nihonbashi, sempre nei pressi di Tokio, e le dà il nome di Honten Konishi Rokuemon, poi abbreviata in Konishi Honten.

Verso il 1880 comincia a produrre apparecchi fotografici di tipo box, facendoli costruire a tre laboratori artigiani; dal 1890 vengono realizzate anche fotocamere del tipo “campagnola”, da studio e folding.

Nel 1902 viene costituito il primo reparto manifatturiero per la lavorazione diretta non solo degli apparecchi, ma anche delle lastre sensibili (collodio secco e gelatina), mentre nel 1903 appare il primo modello che porta il marchio dell’azienda, la Cherry, una box costruita in legno di ciliegio.

Nel medesimo anno appare anche la prima carta per stampe fotografiche, chiamata Sakura, termine che in lingua giapponese richiama un simbolo nazionale, il fiore di ciliegio.

Negli anni successivi appaiono altri modelli, i cui nomi, tradotti in lingua inglese, sono Sakura Honor (tipo box), Reflex Prano (reflex a lastre di grande formato) e, nel 1909, Pearl, Lily e Idea.

Lo scoppio della Prima Guerra Mondiale interrompe le importazioni di materie prime dall’Europa ed è in questo periodo che ha grande impulso in Giappone la ricerca relativa ai materiali sensibili e alle carte fotografiche. Continua la lettura di Konishi Honten: alle origini della Konica