Archivi categoria: Gamma S.r.L.

Gamma S.r.L. – Officine Meccaniche di Precisione

La storia di questa azienda italiana ha inizio nel 1946 a Roma, quando Ireneo Rossi dà avvio ad una attività nel settore ottico-fotografico chiamata semplicemente Officina Rossi Ireneo. Il primo progetto riguarda la Gamma, una classica fotocamera di formato 24 x 36 del tipo “copia Leica” dotata però di soluzioni tecniche abbastanza avanzate, quali l’intercambiabilità delle ottiche, dotate di innesto a baionetta, o la possibilità di esporre solo parzialmente il rullino inserendo nell’apparecchio la taglierina poter estrarre soltanto la parte di pellicola esposta. L’elemento di maggiore originalità è però rappresentato da un otturatore a tendine metalliche con scorrimento orizzontale che, per poter rientrare dopo lo scatto, necessita di un particolare spazio, ottenuto mediante due insolite sporgenze semicilindriche sul frontale dell’apparecchio. Vengono inizialmente previste tre diverse versioni, la Gamma I senza telemetro e con velocità di otturazione da 1/20 a 1/500, la Gamma II con telemetro e velocità fino a 1/750 e la Gamma III con telemetro e tempi da 1 secondo a 1/750. Gli obiettivi vengono forniti dalla Officine Galileo, di serie viene montato un Koristka Victor da 55 mm con apertura massima f/3.5. Delle prime versioni vengono realizzati pochi esemplari, in pratica la maggior parte della produzione riguarda la Gamma III che peraltro, già nel 1947 (Fiera di Milano), viene a sua volta migliorata aggiungendovi il tempo di scatto di 1/1000 di secondo. Nel frattempo l’azienda ha modificato la propria ragione sociale in Gamma S.r.L. – Officine Meccaniche di Precisione, assumendo in pratica lo stesso nome del suo prodotto. Nel 1949 l’apparecchio viene ulteriormente modificato nella versione Gamma III-A con la sostanziale modifica riguardante la trasformazione dell’innesto a baionetta in un attacco a vite standard, il classico 39 x 1 della Leica, fatto che consente di montare non soltanto l’ottica fornita di serie, ma una quantità di obiettivi prodotti da svariate aziende europee. Nel 1950 la Gamma III-A di seconda generazione presenta varie migliorie di carattere funzionale ed estetico, come per esempio la diversa ubicazione della ghiera di selezione dei tempi e ne viene prodotta una versione per usi scientifici da montare su microscopio; un’altra modifica riguarda l’avvolgimento della pellicola, che passa da caricatore a caricatore rendendo superflua la ghiera di riavvolgimento. Pubblicità francese della Perla I (1956) Dal 1951 cessa la produzione della Gamma ed inizia quella delle Perla, una serie di apparecchi dello stesso tipo e formato, dotati però di otturatore centrale a lamelle, che vengono realizzati in cinque versioni diverse (A, A1, A2, A3, A4) con vari allestimenti ottici in montatura rientrante (Cassar, Xenar, Stigmar, Xenon) e con otturatori Prontor oppure Compur Rapid. Nel 1953 appare la Stella, una 35 mm di livello qualitativo leggermente inferiore, dotata di un obiettivo Kata Staeble da 50 mm con apertura massima f/3.5 e di un otturatore Pronto con tempi da 1/25 a 1/200 di secondo. Dal 1955 la tendenza a produrre apparecchi più semplici ed economici si accentua con la fotocamera Alba, realizzata il tre modelli (A, B, F) che si differenziano per il tipo di otturatore (Pronto o Prontor SVS), ma soprattutto per la dotazione ottica, che sulla A è il solito Kata Staeble, sulla B è un Radionar Schneider e sulla F è un Ennagon della Enna Werk. Nel 1956 si verifica invece un restyling delle Perla: gli apparecchi del primo tipo vengono dotati di accoppiamento fra l’avanzamento della pellicola e la carica dell’otturatore dando origine alla serie di Perla I e contemporaneamente appare un anche una serie di modelli dotati di avanzamento pellicola a leva che presentano dimensioni leggermente maggiorate (Perla II). Esiste anche una versione della Perla I-A1 dotata di esposimetro al selenio. È abbastanza complesso schematizzare la produzione di questo periodo, in quanto le versioni e le varianti sono parecchie: in aggiunta alle ottiche già indicate in alcuni modelli vengono montati i già citati obiettivi Radionar. Contemporaneamente appaiono anche le ultime due fotocamere di questa azienda, la Atlas e la Atom, apparecchi di tipo economico molto somiglianti alla Alba; nel 1958 la Gamma S.r.L. cessa la propria attività produttiva.