Categorie

 

La fotocamera Box Ensign 2 ½


La Box Ensign 2½

La Box Ensign 2½

Si tratta di una delle numerose fotocamere di tipo box dedicate ad un uso amatoriale prodotte nel corso degli anni Venti del Novecento dall’azienda britannica . Questa in particolare fa parte di un gruppo di tre apparecchi apparsi all’incirca a partire dal 1923 nei formati 2¼ x 2¼ inch (6 x 6 cm), 2¼ x 3¼ inch (6 x 9 cm) e 2½ x 4¼ inch (6,5 x 11 cm) come è appunto quello fotografato. La struttura esterna è realizzata in legno ricoperto di un tipo di vulcanite che imita una pelle di colore marrone, la parte interna è in parte in legno e in parte in lamiera metallica. Esiste anche nella versione ricoperta della normale vulcanite di colore nero. E’ un apparecchio poco comune, l’esemplare fotografato è databile, con una certa approssimazione, al 1925.

Caratteristiche  principali

-  Box

-  Formato del negativo 2½ x 4¼ inch (6,5 x 11 cm) su pellicola in (2½ Ensign Speedy Roll Film). Con apparecchio in posizione verticale lo scorrimento della pellicola avviene dal basso verso l’alto comandato da un da un appiglio a chiavetta situato sul lato destro.

-  Inquadratura mediante due mirini a specchio, uno per l’inquadratura orizzontale e uno per quella verticale, oppure mediante mirino “sportivo” a telaio semplice, incernierato sul frontale.

-  Messa a fuoco fissa.

L’interno dell’apparecchio

L’interno dell’apparecchio

-  Obiettivo costituito da un semplice menisco di focale non indicata valutabile in 130 mm circa prodotto dalla stessa Houghton Butcher Manufacturing Company Ltd.

-  Diaframma a tre posizioni, il cui valore non è però indicato. I diaframmi sono costituiti da tre fori di diverso diametro praticati su una linguetta metallica estraibile posta sul lato destro dell’apparecchio, tra la leva di selezione dei tempi e quella di scatto: quando la linguetta è completamente inserita nel corpo macchina è in posizione il diaframma più aperto, quando viene estratta è bloccabile su due posizioni successive, che rappresentano la prima un diaframma intermedio, la seconda il diaframma più chiuso.

, anteposto all’obiettivo, sempre in posizione di carica, prodotto dalla stessa Houghton Butcher Manufacturing Company Ltd con due tempi di scatto: I (Instant), T (Time). Sia la leva di selezione dei tempi suddetti sia quella di scatto sono situate sul lato destro dell’apparecchio.

-  Sul dorso è presente la finestrella rotonda schermata di colore rosso per il controllo dell’avanzamento dei fotogrammi.

Tags: , , ,

Lascia un commento


 
storiadellafotografia.it usa WordPress