La fotocamera Ferrania Condor I

La Condor I è una fotocamera progettata e costruita fin dal 1948 dalle

La Ferrania Condor I
La Ferrania Condor I

Officine Galileo di Firenze, che viene distribuita da Ferrania con il proprio marchio a seguito di un accordo commerciale fra le due aziende.

Si tratta di un apparecchio realizzato in quattro diverse versioni che si innesta nel lunghissimo filone di macchine che ancora sul finire degli anni Cinquanta del XX secolo si ispirano al “modello Leica”.

L’obiettivo deve essere estratto e ruotato fino al bloccaggio per essere portato in posizione operativa.

L’avanzamento della pellicola è da sinistra verso destra, il riavvolgimento del rullino esposto può avvenire dopo aver azionato il pulsante “R” di sblocco.

E’ dotata di contafotogrammi, posizionato sul fondello.

L’esemplare fotografato, appartenente alla seconda versione, è databile al 1950 circa.

Caratteristiche  principali

Una pubblicità della Condor I
Una pubblicità della Condor I

–  Compatta

–  Formato del negativo mm 24 x 36 su pellicola in rullino 135

–  Inquadratura con mirino galileiano

–  Messa a fuoco a telemetro accoppiato

–  La focheggiatura avviene mediante una leva che determina lo scorrimento dell’obiettivo su una vite senza fine

–  Obiettivo Eliog da 50 mm con apertura massima f/3.5 prodotto dalle Officine Galileo

–  Diaframma a iride fra i due gruppi ottici dell’obiettivo, con valori f/3.5 – f/4.5 – f/6.3 – f/9 – f/12.5 – f/18 – f/25

–  Otturatore centrale Iscus Rapid a sei lamelle; l’avanzamento della pellicola e la carica dell’otturatore sono indipendenti.

– Il pulsante di scatto è attivo soltanto quando nella fotocamera è presente il rullino

– Tempi di scatto di 1 sec, 1/2, 1/5, 1/10, 1/25, 1/50, 1/100, 1/250, 1/500, B

L’apparecchio visto dall’alto
L’apparecchio visto dall’alto

Si tratta di un apparecchio di ottimo livello, costruito con estrema cura; è dotato di paraluce metallico inseribile a pressione e di tappo per obiettivo in plastica di colore nero.

43 pensieri su “La fotocamera Ferrania Condor I”

  1. Ho una condor 1, molto bella ma funziona male l`otturatore,sto cercando da tempo le lamelle ma non li trovo,andrebbe bene anche una da rottamare, a prezzo abbordabile, se qualcuno mi puo aiutare grazie.

  2. Buonasera Valter,
    ho cercato un po’ in giro, ma purtroppo non ho trovato né lamelle né un apparecchio in cattive condizioni da cui smontarle. Se mi dovesse capitare qualcosa mi farò vivo. Grazie per aver visitato il nostro sito.
    Cordiali saluti
    Aniceto Antilopi

  3. salve,
    io ho una condor I non funzionante che vorrei vendere.
    era di mio nonno e io non ho purtroppo la passione per la fotografia…se qualcuno fosse interessato mi contatti…
    3204841329 oppure all’indirizzo mail aluccia1986@libero.it

  4. Buonasera Anicetto, sono alla ricerca di un obbiettivo leitz summicron – c 40f2 per leica cl, se mi puoi aiutare,ma deve essere molto bello.grazie saluti Valter

  5. Buona sera Aniceto ho una Condor 2 con ottica Galileo 1:2f=5cm lasciata per tanti anni nel cassetto.( era di un mio zio )In ottimo stato vorrei usarla nuovamente, ti chiedo dove posso trovare le istruzioni. Grazie e sinceri saluti. Carlo

  6. Buonasera Carlo,
    purtroppo non dispongo del libretto di istruzioni della Condor II e temo che sia anche abbastanza difficile da trovare. Comunque l’apparecchio è semplice da usare, ha la messa a fuoco a telemetro e monta i normali rullini 135. Le regolazioni di ripresa sono manuali, tempi e diaframmi. Io non so se hai familiarità con l’uso di una fotocamera come questa, eventualmente se hai domande specifiche su certi particolari il mio indirizzo mail è antilopi@libero.it
    Cordiali saluti
    Aniceto

  7. ho una macchina ferrania condor1 munita di custodia marrone in pelle compresa di libretto istruzioni nn sò se funzionante e nn so il valore se qualcuno può aiutarmi ringrazio

  8. Buongiorno Andrea,
    il valore medio di una Condor I funzionante e in buone condizioni si aggira sui 120 euro. Questa fotocamera è una di quelle il cui prezzo di mercato non rispecchia a mio parere il reale valore dell’apparecchio, ottimo soprattutto per quanto riguarda l’ottica Galileo.
    Cordiali saluti
    Aniceto Antilopi

  9. Ho una condor 1 che ho fatto riparare, Il telemetro non sdoppiava più l’ immagine e non si poteva mettere a fuoco.
    Ora funziona, ma la cosa che no riesco a capire e, la relazione fra l otturatore che siscarica con la mollette sull obbiettivo e l avanzamento della pellicola. Infatti il trascinamento del la pellicola non carica l otturatore. e quindi per scattare devo:
    1) trascinare la pellicola con la rotella e 2) manualmente armare l otturatore.
    Non avendo il manuale non se se questo e il corretto funzionamento.
    Qualcuno ha una copia pdf del manuale di istruzioni?

    Grazie Andrea

  10. Buonasera Andrea,
    non possiedo un manuale di istruzioni e cerco di darle qualche indicazione. L’otturatore della Condor I va armato manualmente. La sequenza a mio parere più corretta è:
    1)far avanzare la pellicola ruotando la ghiera A (il comando di riavvolgimento deve trovarsi in posizione A),
    2)armare l’otturatore con la leva di sinistra
    3)scattare (pulsante di scatto posto sull’apparecchio).
    Si può anche armare prima l’otturatore e poi far avanzare la pellicola, ma può succedere che l’otturatore sia già carico e non si vogliano fare altre foto: in questo caso si può farlo scattare a vuoto(dopo aver messo il tappo) utilizzando la levetta posta in alto a destra sul disco dell’otturatore. A volte può accadere che la fine del rullino arrivi nel momento in cui la rotazione di avanzamento pellicola è iniziata ma non completata: inserendo il nuovo rullino la ghiera di carica può apparire bloccata e in questo caso per sbloccarla bisogna premere il pulsante di scatto senza prima aver caricato l’otturatore. E’ un apparecchio dotato di una meccanica abbastanza sofisticata e le operazioni di carica e riavvolgiemnto vanno eseguite senza forzare.
    Cordiali saluti
    Aniceto Antilopi

  11. Buona sera Anicetto.Sono Valter,ho un rebus da risolvere.Ho comperata una leica da qualcuno che svuota le soffitta, la quale porta il n°31971 che dovrebbe essere la leica 1° ottica fissa,invece é una leica 2° a telemetro con ottica intercambiabile leitz elmar 1:3.5 f=50mm senza numero, é molto bella e funziona perfettamente,(tenendo conto dell`epoca). Sicuramente non é un falso,forse é stata modificata? Spero che lei mi mi risolva il probblema, la saluto ringrazio anticipatamente.Valter

  12. Buonasera Valter,
    per quel che ne so la sua Leica è stata costruita nel 1930 come Leica I. La stranezza riguarda non tanto l’ottica (la Leica IC nera del 1930 ha già l’ottica intercambiabile), quanto il telemetro, che dovrebbe essere soltanto sulla Leica II. La Leica II comincia dal n° 71200 nel 1932. Per molti anni la Leitz ha “aggiornato” i propri modelli a richiesta dei clienti e quindi è molto probabile che anche la sua abbia avuto un restyling. Come dicevo prima, la Leica IC aveva già l’ottica intercambiabile, ma non il telemetro e si riconosce perché smontando l’obiettivo, sulla parte alta dell’anello fissato alla fotocamera appare una O.
    E’ il suo caso? Mi faccia sapere, sono curioso …
    Cordiali saluti
    Aniceto

  13. Buonasera Aniceto,
    la ringrazio delle sue spiegazioni,le dico subito che sulla parte alta dell`anello c`é la O,ma quello che non capisco é che secondo il libro(carta d`identità delle leica di Ghester Sartorius),la leica I, innesto a vite non regolato sullo zero,i numeri di matricola partono 37280,la mia invece il 31971,( quindi a ottica fissa). Ammesso che abbiano aggiunto il telemetro accoppiato riscrivendoci sopra la scritta,(Leica Ernst Leitz Weltzlar DRP e il numero originle),é possibile che abbiano modificato anche l`ottica,da fissa ad intercambiabile? La saluto e la ringrazio Waletr

  14. Buongiorno Walter,
    mi dicono che si poteva aggiungere il telemetro e anche rendere l’ottica intercambiabile, operazione che faceva la stessa casa costruttrice. Ho trovato lo stesso parere in due siti, che le posso indicare se mi fa avere un suo recapito mail. Il mio è antilopi@libero.it
    Cordiali saluti
    Aniceto Antilopi

  15. Un’intervista interessante, un Maestro della fotografia che esprime pareri per me largamente condivisibili. Una sottolineatura particolare su due passaggi: le valutazioni sulla foto in bianco e nero e l’aggettivo “ignobile” usato per definire la campagna pubblicitaria dei baci Benetton.
    Aniceto Antilopi

  16. salve,
    mio nonno mi ha regalato la sua vecchia condor I. prima di utilizzarla volevo farla revisionare, mi sa dire a chi posso rivolgermi nel Nord Italia?

    Grazie, Simone.

  17. Salve a tutti
    ho ereditato da mio nonno una condor II. a prima vista in condizioni eccezionali, ma ho notato che il diaframma non varia l’apertura come se le lamelle fossero incastrate. qualche suggerimento? vorrei sapere se conoscete in zona firenze qualcuno che ci sappia metter mano sopra per riparare.. oltre ad esser un ricordo affettivo, da appassionato di fotografia sarei felice di utilizzarla.

    grazie

  18. ho una condor ma senza l’uno perchè avuta direttamenye dalle officine galileo. alla prima serie di foto fatte lo sviluppatore mi ha detto; come si vede che lei ha una leica. quando ha saputo che invece erano state fatte con una condor non sapeva più cosa dire. se la vedete sembra uscita dal negozante da tre o quattro giorni, la cromatura é perfetta ed anche il funzionamento. unica pecca il telemetro che é praticamente inesistente non si riesce a far combaciare le due immagini perché i due colori sono qquasi uguali.

  19. ho iniziato ad avvicinarmi da poco alla fotografia e mio papà mi ha regalato una condor 2, ho notato da subito la sofisticatezza e dopo pochi tentativi in cui sembrava tutto “incastrato” ho deciso di non insistere per paura di danneggiarla. Trovate le istruzioni sul suo sito, ho caricato il rullino -nella maniera corretta, ne sono certa- ma una volta fatto avanzare l’obbiettivo, il pulsante di scatto va ma le lamelle dell’otturatore rimangono serrate. Problema riportato anche in un altro commento, è danneggiata o non eseguo la procedura di armamento nel modo corretto? Sono mesi che desidero scattare foto con questa bellissima macchina, vorrei tanto riuscirci!

  20. Ho una Ferrania Condor di proprietà di mio padre purtroppo defunto nel 2011, quindi non so in che condizioni sia la macchina (apparentemente sembra tutto OK). Sono a Firenze e la venderei al miglior offerente. Faccio alcune foto e le posto sul nostro bloggettino di truetuscanarte, grazie per qualsiasi suggerimento e/o proposta. pat agresti

  21. Ho una Voigtlander Virtus 4,5×6 con Heliar,credo sia del 38, funzionante, peccato che la messa a fuoco man. non
    mi riesce sempre bene..che valore può avere oggi ? A suo
    tempo mi ha fatto dei ritratti fantastici in b/n grazie

  22. Buonasera, ho trovato in un cassetto una Condor II, apparteneva a mio nonno. Io non mi intendo di questo genere di macchine fotografiche, ciò che so è quello che è scritto sulla macchina (non dispongo del libretto ma solo della custodia).
    La mia domanda è: a quanto potrebbe ammontare il valore di questo oggetto?

  23. Buongiorno,
    sono in possesso di una Condor 1 delle Officine Galileo, sia sulla parte superiore della scocca, sia sul retro non è riportato alcun alcun marchio Ferrania, anzi sul retro campeggia il logo Officine Galileo. Se la distribuzione delle Condor (e non delle Candog) era affidata a Ferrania che faceva imprimere il proprio marchio sulla macchina, allora il mio modello rappresenta un’eccezione alla regola. Mi sai dare maggiori chiarimenti? Questa particolarità ne fa aumentare il valore?
    Grazie, saluti
    Gherardo

  24. Buonasera Gherardo,
    dalla descrizione direi che si tratta di uno dei primi apparecchi prodotti, dal momento che alcuni modelli iniziali non portano il logo Ferrania, ma solo quello Galileo sul retro. Questa particolarità a mio parere fa aumentare un po’ il valore, in quanto costituisce un piccola eccezione alla regola. Direi (è un parere del tutto personale) che un apparecchio del genere regolarmente funzionante possa valere almeno il 30% in più di una Condor “normale”.
    Cordiali saluti
    Aniceto Antilopi

  25. Buonasera,
    chiedo cortesemente il valore presunto di una Condor I provvista dell’iscrizione, sulla calotta, “aeronautica militare”.
    Grazie per l’attenzione, cordialmente.

  26. Buonasera, La invitiamo a postare sulla nostra pagina facebook il suo annuncio in merito alla vendita della Ferrania Condor. I nostri utenti potranno cosi contattarla privatamente per un eventuale acquisto.La ringrazio per l’attenzione e buona serata da Storiadellafotografia :-)

  27. Nell’articolo è riportata una piccola imprecisione, che mi permetto di correggere: c’è scritto che “Il pulsante di scatto è attivo soltanto quando nella fotocamera è presente il rullino” ma, almeno sulla mia Condor 1, il pulsante pulsante sul corpo macchina (non la levetta posta sull’obiettivo/otturatore) scatta tranquillamente anche in assenza di rullino. Saluti a tutti.

  28. una CONDOR CON L’1/2 si troverà ancora ? la Virtus con l’heliar
    speciale per ritratti ce l’ho e perfettamente funzionante..anche
    la particolarità del mirino che corregge il parallasse quando
    si regola la distanza..non è in vendita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *